Aggiornare Leedroid all’ultima versione con custom UOT Kitchen

7 gen

post_aggiornamento_leedroid

Se ci avete seguito fin qua è probabile che abbiate già seriamente messo mano al vostro smartphone in ogni modo, lecito e non, ma una volta ottenuto l’accesso di root e installata una custom rom arriva sempre il momento di aggiornare e, perchè no, aggiungere qualche ulteriore customizzazione al vostro poderoso smartphone! Seguiteci perchè oggi vi spieghiamo come…

Ecco in sintesi le operazioni che ci apprestiamo a compiere sul nostro fido Androide:

  1. Nandroid backup
  2. Download dell’ultima versione di Leedroid e customizzazione tramite UOT Kitchen
  3. Installazione tramite clockworkmod recovery
  4. Aggiunta di moduli add-on
  5. Test finale

Con ordine, come ogni volta, la prima operazione da fare per l’aggiornamento è sempre un bel…

Backup

Ormai ci dovreste aver preso la mano, prima di fare qualsiasi cosa un backup è d’obbligo (o perlomeno, caldamente consigliato). Tra l’altro il nandroid backup salva tutto quello che ci serve per ripristinare il sistema ad uno stato utilizzabile per cui non lesinate, ogni tanto è meglio farsela questa copia di sicurezza!

Le operazioni da fare sono sempre quelle:

  1. Rimuovete vecchi nandroid backup per sicurezza (meglio evitare casini!)
  2. Riavviate lo smartphone in recovery mode (hard reboot tenendo schiacciato il bottone volume down del Desire e quindi scegliete “recovery” dal bootloader)
  3. Selezionate l’opzione “backup and restore” quindi procedete con il backup (voce backup)

E attendete 10 minuti circa (ma potrebbe volerci di più, dopotutto dipende sempre da quanto è veloce la vostra scheda di memoria!) perchè il backup si completi.

A questo punto vi consiglio di copiare dalla SD del vostro smartphone il backup appena creato in una memoria separata, ricordatevi sempre che un nandroid backup è la vostra ancora di salvezza nel caso qualcosa vada storto, per cui meglio tenerlo al sicuro!

Download Leedroid e aggiornamento 2.3b

L’aggiornamento alla versione 2.3c di Leedroid non è possibile in un unico step, per cui dovremo procedere per gradi, dalla vostra versione attuale alla 2.3b (che è un full upgrade) e quindi tramite l’applicazione di una patch alla versione 2.3c (patch upgrade).

Voi non spaventatevi, non ce n’è ragione, si tratta solo di un piccolo step aggiuntivo se volete l’ultimissima versione, per cui seguiteci e vi spiegheremo subito come!

Ovviamente come al solito noi de L’Androide non ci prendiamo alcuna responsabilità se le cose dovessero andare storte, semmai sappiate che, come sempre, siamo qui nel caso in cui abbiate bisogno di una mano!

Iniziamo dunque con lo scaricare i file delle nuove ROM dalla dropbox (sia santificata!) di Leedroid che si trova sul loro sito ufficiale (oppure qui).

Scaricate dalla cartella ROM le versioni 2.3b (A2SD o non A2SD, come avete precedentemente deciso di installare Leedroid, io qui prendo per esempio la versione A2SD perchè in caso contrario la patch 2.3c non si potrà applicare!) e 2.3c (nomi file: LeeDrOiD_V2.3b_A2SD.zip e LeeDrOiD_V2.3c_A2SD_PATCH.zip).

Come già detto dobbiamo procedere per step successivi, quindi una volta scaricata lo zip della versione 2.3b non faremo altro che copiarlo sulla sd e rinominarlo in update.zip.

Fatto questo è necessario avviare ancora una volta il telefono in recovery mode (power + volume down e quindi recovery per entrare in clockworkmod recovery) e scegliere questa volta la voce “apply sdcard:update.zip” dal menù.

L’aggiornamento non dovrebbe portarvi via più di 5 minuti con una SD moderatamente veloce, infatti comporta solo l’estrazione e la copia di qualche file, è il primo boot nella nuova versione il più impegnativo in termini di tempo (anche 10 minuti!).

Scegliamo quindi la voce reboot e aspettiamo ancora una volta che si compia il miracolo della tecnologia :O !

Benissimo, se tutto è andato bene a questo punto dovreste vedere la prima (interminabile) sequenza di boot del vostro smartphone con l’aggiornamento alla penultima versione di Leedroid (2.3b): tutto questo significa che siamo già a buon punto!

Una volta che vi siete assicurati che il boot abbia prodotto uno smartphone funzionante possiamo procedere con la prossima fase ovvero…

UOT Kitchen e aggiornamento a Leedroid 2.3c

Leedroid oltre che una ROM leggera e ben “cucinata” è anche ampiamente customizzabile nel look & feel: si possono installare modifiche di tutti i tipi, dal tema alle icone modificate all’aggiunta dei moduli custom. Gran parte di queste cose sono fattibili grazie ad un interessante progetto chiamato UOT Kitchen.

Questa “cucina” online, infatti, vi permette di fare delle personalizzazioni alla ROM installata tramite una serie di pagine web che chiedono le modifiche da applicare. Una sorta di questionario online che consente di scegliere i set di icone, la boot animation e molto altro in modo da poter poi applicare la personalizzazione sotto forma di patch alla vostra nuova ROM.

Bene è arrivato il momento di prelevare dalla dropbox di Leedroid la nostra patch ROM, versione 2.3c, e di copiarla, ancora una volta nella root della SD per poi rinominarla come update.zip.

In questa fase infatti ci comportiamo esattamente come se si trattasse di una ROM completa e procediamo all’installazione come di consueto, anche qui non dovreste aspettare più di 5 minuti in recovery mode dopo aver scelto “apply sdcard:update.zip”. Finito il procedimento ci apprestiamo a fare un bel reboot con la nuova Leedroid 2.3c ed il gioco è fatto!

nota bene: è necessario, prima di proseguire fare almeno una volta il boot della ROM appena flashata per evitare problemi!

Personalmente vi consiglio anche un secondo reboot perchè nel mio caso è capitato che al primo fossero scomparse tutte le icone della home, per cui meglio dare tempo alla ROM di stabilizzarsi sullo smartphone prima di procedere oltre! Se dovesse capitare anche a voi la empty home dopo aggiornamento a Leedroid 2.3b o 2.3c vi consiglio di riavviare lo smartphone che va tutto a posto, il massimo che mi è capitato di dover fare è stato di rimuovere manualmente le icone della home che mi apparivano in pratica “duplicate”.

Una volta applicato anche questo aggiornamento vi consiglio di controllare in settings > about phone > software che la versione di Leedroid sia quella che desideriamo ovvero la 2.3c. Se così fosse allora significa che tutto è andato bene!

Veniamo adesso alla parte più interessante, ovvero la manipolazione di UOT Kitchen. Per prima cosa proseguite nelle varie pagine e scegliete le opzioni che preferite, vi saranno offerti iconset a tema, per sfondo nero o bianco, la scelta di nuove emoticon e icone speciali per la status bar e addirittura la possibilità di una nuova boot animation!

Sbizzarritevi pure con la cucina perchè le opzioni sono infinite e la customizzazione elevatissima. Una volta finito la UOT Kitchen vi chiederà semplicemente di caricare il file “framework-res.apk” e il gioco è fatto. Beh, ma dove andiamo a prendercelo il suddetto file ? Semplicemente si tratta di estrarlo dallo zip di Leedroid 2.3c e fare l’upload su UOT Kitchen.

Il file si trova nel percorso LeeDrOiD_V2.3c_A2SD_PATCH.zipsystemframework e una volta caricato scattano i cuochi di UOT per andare a scrivere le nostre personalizzazioni.

Tenete presente che la UOT Kitchen è un servizio totalmente FREE e che quindi, dato il numero elevato di richieste ci potrebbe volere un po’ prima che il vostro file sia pronto. Nel mio caso ho aspettato 10 minuti buoni sulla pagina finale UOT e sono quindi stato avvisato una volta che il file era pronto, proprio come se andaste al ristorante ;) !

Questo file ottenuto fresco fresco dalla cucina è uno zip particolare che va copiato sulla SD e quindi installato sempre in recovery mode: entrateci con la solita procedura e una volta dentro selezionate questa volta la voce: “install zip from sdcard” e quindi “choose zip from sdcard” per scegliere lo ZIP che avete ottenuto dalla UOT Kitchen.

Una volta scelto Yes tra i vari No (la sicurezza non è mai troppa) attendete la copia dei file e procedete di nuovo con un bel reboot (reboot system now dal menù principale).

COMPLIMENTI, CE L’AVETE FATTA!! Welcome to Leedroid 2.3c UOT custom!

Un reboot al giorno… il test finale

A questo punto a coronamento dei vostri sforzi vedrete la boot animation scelta dalla UOT Kitchen e finalmente la nostra Leedroid nuova fiammante e customizzata!

Per gli altri moduli aggiuntivi procedete sempre con il medesimo meccanismo appena descritto (recovery mode > install zip from sdcard > choose zip from sdcard) e che il modding estremo sia con voi!

Una volta finiti tutti gli step di questa guida e installati tutti gli addon che vi servono vi consigliamo caldamente un bel giro di test delle funzionalità fondamentali del vostro smartphone per evitare spiacevoli sorprese, provate email, google maps, fotocamera, twitter, facebook e tutto quello che usate di solito e tenete presente che Leedroid per quanto fantastica non è perfetta, se avete un baco da segnalare con la vostra configurazione specifica potete farlo qui.

Ancora una volta noi de L’Androide speriamo di esservi stati utili e come sempre vi invitiamo tutti a mandarci i vostri pensieri tramite commenti oppure se preferite via email a Alfa “chioccioletta” Landroide.it

A presto!

Alfa.

Trackbacks and Pingbacks

  1. Aggiornare Leedroid all’ultima versione con custom UOT Kitchen Mondo Android | Mondo Android - 07. gen, 2011

    [...] link Leave a Reply [...]

  2. Tweets that mention Aggiornare Leedroid all’ultima versione con custom UOT Kitchen | L'Androide -- Topsy.com - 07. gen, 2011

    [...] This post was mentioned on Twitter by Emanuela Zaccone and cdcmpro. cdcmpro said: Aggiornare Leedroid all'ultima versione con custom UOT Kitchen http://t.co/mR6RRXp via @landroide_alfa [...]

Lascia un Commento

Notificami via e-mail quando si aggiunge un nuovo commento alla discussione. Puoi anche iscriverti senza per forza commentare!