Android 2.3 Gingerbread, novità sotto l’albero di natale

15 nov

post_gingerbread

Si parlava di una nuova versione di Android ancora prima dell’uscita di Froyo, per intenderci, ma al momento era difficile avere una prospettiva chiara della roadmap, perchè le novità di Froyo erano talmente tante e succose da lasciare poco spazio ad ulteriori congetture sul futuro.

Ora che abbiamo avuto il tempo necessario a metabolizzare le informazioni e soprattutto le nuove funzionalità è finalmente giunto il momento di vedere cosa ci riserva il futuro con Android 2.3, Gingerbread per gli amici.

Novità ufficiali

Vediamo prima di tutto le funzionalità che sono state confermate:

  • Supporto al formato video WebM
  • Funzionalità di copia e incolla migliorate
  • Nuove e migliorate funzionalità di social networking

Una lista tutt’altro che entusiasmante, se chiedete a me, anche per la genericità di queste tre voci, ma andiamo con ordine:

Il primo punto, ovvero il supporto di WebM è forse il più importante dei tre, dal momento che Android sarebbe la prima piattaforma mobile a supportare questo formato, che, lo ricordiamo, è sviluppato, oltre che da Google, dai browser Mozilla Firefox, Opera e Chrome e che quindi automaticamente farebbe un bel passo avanti per l’imposizione di WebM come standard per i video su internet.

Ma tutto sommato, abbiamo davvero bisogno di un altro formato per i video su internet?

La questione è più complessa di quanto sembri a prima vista, perchè non stiamo solamente parlando dell’ennesimo formato video, ma di un formato video open, royalty free e pensato appositamente per essere usato assieme ad HTML5 e liberare la rete da quel nodo di tecnologie proprietarie che gira attorno ad Adobe Flash.

Detta così è una mossa sicuramente più interessante, anche se di fatto su Android il limite di flash non si sente affatto, dal momento che il player si comporta in maniera egregia su Froyo (HTC Desire e smartphone affini). Rimane il fatto che flash non è una tecnologia molto ottimizzata, e che oltre a non essere aperta, è un pozzo senza fondo per la batteria degli smartphone (ma anche dei PC portatili).

Però comunque Flash si è imposto come standard, e credo che, anche se ci sono passi avanti come questo, non ci libereremo di Flash molto presto, se mai ce ne libereremo!

Che dire degli altri due punti, migliorare il copia e incolla non è una grande novità, e le nuove funzionalità di social networking vanno in realtà viste nel dettaglio, perchè a mio parere Android già supporta tutte i principali network, e anche molto bene, staremo a vedere non appena avremo la possibilità di vedere queste cose nel dettaglio.

Le novità non confermate

La seconda lista, ovvero quella delle nuove funzionalità non ancora confermate, è sicuramente la più appetitosa, perchè finalmente qui un po’ di carne al fuoco c’è!

Ho notato guardando in giro che c’è un po’ di casino riguardo ai numeri di versione di questa nuova release Android, in alcuni casi Gingerbread è la 2.3, in altri è la 3.0, e chi ne capisce qualcosa?

* UPDATE * La versione corretta è la 2.3, come da roadmap ufficiale, anche se alcuni siti riportano per Gingerbread la 3.0, scusate la confusione !!

Credo che in ultima analisi il numbering della versione dipenderà seriamente da quante e quali tra le seguenti funzionalità verranno incluse nel rilascio, perchè per giustificare una 3.0 il copia e incolla non basta davvero ;) e allora vediamole:

Android Market music store

Non esattamente cosa nuova, ma sicuramente una novità per Android, la possibilità di avere un vero e proprio market per le canzoni come si fa in casa Apple, mi chiedo se ci sia spazio per un altro store di mp3, e mi rispondo da solo pensando ai numeri giganteschi della base installata Android, se fate musica questo è uno di quegli store dove esserci, soprattutto per la diffusione assolutamente mostruosa di cui godrà se sarà preinstallato come immagino.

Streaming media dalla libreria del PC

Questo al momento in cui scrivo mi sembra un limite di Android che è arginabile solamente tramite apposite app di terze parti, ed è bello pensare che la cosa sarà resa possibile tramite una funzionalità del sistema operativo. Vi immaginate gli scenari? Siete a casa, in Wifi e già vedete le share del vostro PC o NAS tramite ASTRO + modulo smb. Vi viene voglia di vedere un film? Nessun problema, se il vostro smartphone è dotato di uscita HDMI (questa però manca su quasi tutti, ahimè) non avete bisogno di copiare nulla, semplicemente collegate alla TV, fate play e vedete direttamente usando lo smartphone!

Ancora più fruibile come feature se parliamo di musica, già immagino (e auspico) la possibilità di mandare in streaming in auto la musica che c’è sul vostro home server, e chi li userà mai più i cd se basta una flat e hai sempre con te tutta la tua musica?

In sintesi stiamo parlando di una gran bella cosa, e fattibile SENZA pagare il pizzo a nessun servizio di Cloud (che Google tiri in ballo il suo, di storage? vedremo!)

Nuova, fiammante User Interface

Questa è un’altra novità degna di nota secondo me, l’interfaccia di Android così com’è mi sembra comoda, ma non è così ricca di eye candy come altre che si vedono in giro, io sono del partito del “se funziona non toccarla”, ma sarebbe giusto iniziare di prevedere qualche cosa in più, le stesse che poi magari sviluppano gli hacker e i cuochi delle ROM non ufficiali, insomma ben venga la novità se non ci obbliga a cambiare lo smartphone per avere due ombre e 3 riflessioni nell’interfaccia!

Supporto per schermi più grandi, fino a WXGA (1366×768 pixel)

Questo è un aspetto dovuto, più che altro per fare concorrenza ad Apple e al suo retina display, che è molto bello, spero che pannelli di questo tipo li riescano a mettere come (Super) OLED sugli smartphone Android, perchè sarebbe davvero bello, il massimo della qualità e il minimo del consumo. Però per riportare i piedi sul pianeta terra, la risoluzione di per se non è garanzia di nulla (tantomeno di miglioramento), anzi, sicuramente tutta la grafica contenuta nel sistema sarà più pesante perchè più densa, quindi spero che non si sprechi spazio con ROM multi dispositivo che hanno 3 versioni diverse delle icone e ciucciano inutilmente preziosa memoria interna.

Supporto nativo per giochi 3D e un nuovo Marketplace esclusivamente dedicato al gioco

Qui il gioco si fa duro, e i duri iniziano a giocare :P …si perchè gli smartphone se non l’avete ancora presente, saranno le console portatili del futuro! Non penso vedremo ancora molte iterazioni del nintendo DS o della PSP, perchè il potenziale per fare le stesse cose è nei telefoni che ci portiamo assieme notte e giorno. E’ vero che si parla più spesso di casual gaming che di hardcore gaming, ma guardando gli engine 3d (e demo come Epic citadel) che escono per iphone e ipod, mi chiedo quanto manca prima che possiamo vedere qualcosa del genere su Android e dei veri, grandi giochi su smartphone. Ormai ci siamo, anche per il 3D si avvicina il grande giorno e Android a quanto pare non ha alcuna intenzione di tirarsi indietro. Google lavorerà auspicabilmente ad un’area separata del market dedicata ai videogiocatori, un luogo dove incontrarsi, confrontarsi e fare partitoni in multiplayer, manca solo uno Starcraft e poi ci siamo, mobile online massively multiplayer gaming!

Questo è un punto delicato, ma le carte in regola per sfondare ci sono tutte, quindi incrociate le dita!

Nuova shell si sistema: mksh (/system/bin/sh)

Una modifica che interesserà più che altro agli addetti ai lavori, ma potrebbe rivelarsi interessante anche per tutti noi smanettoni. La shell di sistema diventa mksh, che poi sarebbe una versione (presa da mirBSD) della cara vecchia Korn shell, che di suo è una gran bella shell! Quindi non potrà che fare piacere a tutti quelli che hanno usato e usano Korn.

Supporto per le videochiamate

Dopo facetime di Apple questa funzionalità non poteva mancare, anche perchè qui Android è parecchio in ritardo… Purtroppo molti device Android non sono dotati di front camera, per cui la videochiamata rimarrà poco accessibile a questa generazione di smartphone Android. Ho come l’impressione che tra un anno saremo qui a guardarci i nuovi modelli con doppia videocamera ;)

Supporto per immagini WebP

WebP (pron. weppy) è il rovescio della medaglia di WebM, ovvero un formato di compressione delle immagini per internet che vada a sostituire l’ormai vetusto JPG, e vada a imporsi sull’ottimo PNG, ora, qualunque sia il formato poco importa, ma WebP è ottimizzato per dimensioni piccole dei file e rimane un formato Open, per cui come al solito potremmo guadagnarci qualcosina ;)

Supporto per Google TV

Nel caso non sapeste cos’è Google TV vi rimando all’articolo di qualche tempo fa che la spiega per filo e per segno. I piani di goggle sono quelli di trasformare il vostro smartphone in un telecomando multimediale per la vostra esperienza Google TV, proprio come fa iPhone per Apple TV. Detta così non emoziona molto come funzionalità, ma aspetterei di vedere meglio sia la TV di Google che il software di questo super telecomando, spero che il tutto non si riduca ad un app con i tasti del telecomando normale da pigiare su touch screen perchè ne rimarrei deluso, le potenzialità ci sono per fare un telecomando virtuale innovativo con la possibilità di anteprime streaming dei vari canali sul touch screen, programmazione avanzata, ecc.

Un sacco di belle cose, insomma ;)

Si, ma quando ?

Ok, adesso che sono riuscito a farvi venire fame… la domanda ovvia, ma quando arriverà questo fantomatico Android 3 (o 2.3) Gingerbread ?

Si parla di una delivery entro la fine dell’anno, in particolare per Natale, per fare in modo di vendere qualche milionata di nuovi smartphone…

Personalmente sono scettico, e se devo essere sincero ad una 2.3 senza sale preferisco una 3.0 gustosissima (come del resto si preannuncia) l’anno prossimo.

Aspettiamo e vediamo che succede!

Sono sempre qui per il vostro feedback, suggerimenti e critiche nei commenti oppure ad Alfa senonmettilachiocciolanonvà landroide.it

4 Risposte a “Android 2.3 Gingerbread, novità sotto l’albero di natale”

  1. ice 24. nov, 2010 alle 12:12 #

    GingerBread (Android 2.3) arriverà per natale 2010
    HoneyComb (Android 3.0) arrvierà per pasqua 2011
    .

    • Alfa 24. nov, 2010 alle 16:25 #

      Giusto!

      Come da roadmap del resto!

      Purtroppo mi sono fatto fregare da qualche sito che riporta la versione in maniera scorretta, tipo questo

      Scusate l’errore e grazie della segnalazione, ora correggo tutto ;)

      Alfa.

Trackbacks and Pingbacks

  1. Tweets that mention Android 3 Gingerbread, novità sotto l’albero di natale | L'Androide -- Topsy.com - 15. nov, 2010

    [...] This post was mentioned on Twitter by Cristiano Giacomello, L'Androide Alfa. L'Androide Alfa said: Lo sapete di #Android3 vero? si ma cosa fa?!? TUTTO QUI http://bit.ly/bEpMfo RT please ;) [...]

  2. Android 2.3 Gingerbread, novità sotto l’albero di natale | Mondo Android - 06. dic, 2010

    [...] link Leave a Reply [...]

Lascia un Commento

Notificami via e-mail quando si aggiunge un nuovo commento alla discussione. Puoi anche iscriverti senza per forza commentare!